L’autorizzazione Integrata Ambientale non è l’applicazione asettica di un insieme di tecniche e di relative “prestazioni ambientali” ma piuttosto il risultato di un percorso di analisi volto ad individuare l’assetto impiantistico e produttivo che combina assieme i tre elementi cardine dell’IPPC: controllo combinato delle emissioni aria-acqua-suolo, riferimento a standard tecnologici e gestionali di settore, valutazioni delle condizioni locali.

Attori principali sono fondamentalmente le amministrazioni che avranno il compito di rilasciare le autorizzazioni, i gestori che le richiedono e la comunità locale destinataria indiretta delle scelte delle pubblica amministrazione che dovrà provvedere al contemperamento degli interessi di cui tali attori si fanno portatori all’interno del provvedimento complesso.
Ricorso al TAR Palermo di Cittadini di Isola delle Femmine per annullamento decreto n 693 della Regione Sicilia a favore della Italcementi

Conferenze: 31 Luglio 2007-21 Novembre 2007-31 gennaio 2008-20 febbraio 2008-19 marzo 2008

Cambiamo Aria


Il Piano regionale per la qualità dell'aria presentato dalla regione Sicilia nel 2007 somiglia stranamente a quello del Veneto. Semplice coincidenza?

E' da un pò che in Sicilia non si respira più la stessa aria. Da Palermo a Gela, da Catania a Caltanisetta ci sono segnali di cambiamento che vengono dalla società civile, dai commercianti, dagli industriali che si ribellano contro la mafia e il pizzo. Anche la burocrazia regionale se n'è accorta. Per questo nel "Piano Regionale di Coordinamento per la tutela della qualità dell'aria", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, sono state introdotte importanti novità. Ora siamo più europei e lo conferma il rigido clima dell'isola. In più abbiamo un "bacino aerologico padano" e "piste ciclabili lungo gli argini dei fiummi e dei canali" presenti nei centri storici dei comuni siciliani. A leggere il piano in questione si può fare a meno anche dell'autonomia, dato che anche il Parlamento , l'Assemblea Regionale, è diventato un normale Consiglio regionale come quello del Veneto.

Un bel sogno che è stato interrotto da quei materialisti di Legambiente che hanno rilevato come il Piano sia, per usare un eufemismo, troppo simile a quello del Veneto. E dire che porta la firma di ben nove eccellenti autori: dirigenti dell'Assessorato e professori universitari, L'Assessore all'Ambiente Rossana Interlandi, dice che nel caso in cui errori vi siano stati, questi devono essere accertati, e comunque questo non legittima nessuno a parlare di plagio. L'Assessore ha ragione, in primo luogo perchè ispirarsi a un piano esistente conferma la teoria che riciclare conviene. E poi, non è che i piani regionali sono tutelati da diritto d'autore, senno dovrebbero riconoscere anche i diritti Siae ai dirigenti e consulenti che li preparano, Quidi è giusto che nessuno dei responsabili di questo piano cambi aria. In fondo la Regione non è mica il Palermo Calcio, che dopo una partita persa 5 a 0 con la Juve esonera l'allenatore. Bisogna prima accertarsi di non aver perso la partita.

Se intanto il camponato finisce, pazienza.

Gianpiero Caldarella Sdisonorata Società Navarra editore
Piano Regione Sicilia Qualità e Tutella dell'Aria

martedì 17 novembre 2015

Pasolini, l'attualità di un conservatore Marco Pontoni [1 Nov 2015 |

Pasolini, l'attualità di un conservatore 

Marco Pontoni [1 Nov 2015 |

A quarant'anni dalla sua scomparsa (il 2 novembre è l'anniversario della sua morte) parliamo di Pier Paolo Pasolini scrittore, poeta, documentarista, regista, intellettuale e giornalista, un mito (per molti) che potrebbe essere considerato un precursore del pensiero no-global e allo stesso tempo un tradizionalista
Purtroppo non si può parlare di Pasolini come si parlerebbe di uno scrittore (o poeta, o regista) qualsiasi, ovvero concentrandosi sulla sua opera e lasciando da parte la mitologia. E questo per tre motivi: perché Pasolini è stato un artista a tutto tondo, che ha esplorato linguaggi diversi e ha ampiamente mescolato opera e vita; perché Pasolini per molti è diventato un mito o una bandiera, a causa della sua morte non meno che della sua vita; infine perché Pasolini, il Pasolini “corsaro”, il Pasolini che criticava gli studenti figli di papà che si scontravano con le forze dell'ordine proletarie a Valle Giulia, che andava in Africa o in India o nello Yemen, insomma il Pasolini “giornalista”, il giornalista personaggio pubblico, le mani con l'attualità se l'è sporcate senza paura né indugio. Il destino di Pasolini, dunque, è quello di altre personalità forti, ingombranti, che si sono esposte e hanno fatto molto parlare di sé anche per ragioni che poco hanno direttamente a che fare con le loro opere.
t1
Fatta questa premessa, non mi tiro certo indietro: Pasolini è stato un intellettuale conservatore che ha prodotto opere estremamente radicali, conducendo una vita coraggiosa e “scandalosa”. Nello specifico: credo che il Pasolini scrittore di romanzi non sopravviverà (chi legge Ragazzi di vita, già oggi, se non per curiosità antropologica?); il Pasolini poeta di più (certi versi su Roma sono difficili da dimenticare); il Pasolini documentarista ha prodotto lavori fondamentali e verrà continuamente riscoperto; il Pasolini regista cinematografico infine è ormai un classico e tale è destinato a restare, benché ostico, difficile, per gli stessi motivi per cui è ostico e difficile Andy Warhol (per "difficile" non intendo cerebrale-concettuale, intendo estraneo al canone estetico contemporaneo, che è quello della pubblicità).
Ai giorni nostri, però, a fare discutere sembra essere soprattutto il Pasolini intellettuale, nonostante l'uscita di una versione restaurata del suo ultimo film, Salò o le 120 giornate di Sodoma, che trasporta in epoca fascista gli incubi partoriti dalla penna del marchese De Sade per una riflessione (anzi, un pugno in pancia allo spettatore) attorno al tema del delirio del potere, già così caro al Camus del Caligola.
Sul Pasolini intellettuale il giudizio è cambiato nel tempo. Con la sua critica all'omologazione consumistica, con il suo interesse per il mondo mitico, arcaico, per il sacro, con la sua ammirazione per le culture regionali/tradizionali, per il proletariato “incontaminato”, o che tale doveva rimanere, per il “buon selvaggio” che andava a cercare in Africa, anche se quel mito gli etnologi lo avevano demolito da un pezzo, Pasolini potrebbe essere considerato un precursore del pensiero no-global. Oppure un tradizionalista.
Io propendo per la seconda ipotesi. Credo, come ho già detto, che Pasolini fosse un criptoconservatore, un intellettuale che avversava la modernità. Il che non è necessariamente un male. Lo era “da sinistra”, così come alcuni esponenti della scuola di Francoforte. Ciò vale anche per il suo giudizio sugli aspetti più dirompenti della cultura “dei diritti”, progressista o apertamente libertaria, che prende corpo con il '68, ovvero quelli legati alla coppia, alla sessualità, alla procreazione (e al gender, diremmo oggi). Pasolini, omosessuale dichiarato, artista “maledetto”, scrive cose come “(...) questa libertà del coito, così com’è concepita dalla maggioranza – questa meravigliosa permissività nei suoi riguardi – da chi è voluta, promulgata e tacitamente fatta entrare nelle abitudini? Dal potere dei consumi, dal nuovo fascismo. Esso si è impadronito delle esigenze di libertà diciamo così liberali e progressiste e, facendole sue, le ha vanificate, ha cambiato la loro natura”.
t2
Un giudizio ingegneroso, specie avendo presente qual era l'Italia che Pasolini si era appena lasciato alle spalle (quella del delitto d'onore, delle case chiuse, delle mammane). Eppure, lo ripetiamo - e qui sta indubbiamente la sua grandezza - Pasolini è anche un anticipatore: sia sufficiente confrontarlo con uno dei più grandi scrittori dei giorni nostri, lo Houellebecq de Le particelle elementari, a sua volta un demolitore del libertarismo degli anni 60 (anche se il suo alter ego, il personaggio che sempre ritorna in ogni opera, è un triste erotomane).
Il dato ancora più interessante, fra i tanti che potremmo affastellare qui, riguarda però il linguaggio artistico di Pasolini, che è tutto fuorché nostalgico, e tutto fuorché a portata del suo amato sottoproletariato, che presto si sarebbe gettato anima e còre fra le braccia di Mediaset. Il Pasolini artista, soprattutto il Pasolini di cinema, è uno che non fa sconti. Abrasivo, anticinematografico, sperimentale. E questa è l'altra faccia, quella decisamente più contraddittoria, ma anche più affascinante, di un uomo che Marcello Veneziani (uno fra i tanti) ha definito “di Destra”, per il suo “amore disperato del passato e della tradizione”.
E visto che siamo arrivati, un po' disordinatamente, fin qui, facciamo un altro nome: Giovanni Lindo Ferretti. Artisticamente meno importante di Pasolini, certo, il fondatore dei CCCP, è tuttavia esemplificativo di una medesima attitudine alla critica dell'esistente che, partendo da posizioni radicali, approda ad un tornare indietro fino “al punto in cui il mondo si rinnova”, che sembra poi l'abdicazione definitiva ad ogni tentazione storicista propria del marxismo. Canta il Lindo Ferretti: “È stato un tempo il mondo giovane e forte, odorante di sangue fertile...”. Un canto cupo, sinistro, come certe opere di Pasolini. Un canto, ebbene sì, limpidamente di Destra.
Pasolini oggi andrebbe a braccetto con la Meloni, come fa il punkettone italiano per eccellenza? Spero di no. Ma forse anche lui guarderebbe con timore - ad esempio - ad una emigrazione che mina alle fondamenta le culture locali/tradizionali, gettandole senza pietà nel crogiolo della globalizzazione.
Chiudo così: se dovessi pensare ad un testo limpidamente antipasoliniano, oggi, penserei all'ultimo romanzo di Goffredo Parise (pubblicato postumo),L'odore del sangue. Un romanzo assai lucido nel descrivere, attraverso una storia di sadomasochismo, l'infatuazione di certa borghesia, colta, emancipata, per il sottoproletariato (guarda caso, romano). Un'infatuazione foriera di conseguenze tragiche.
http://www.lavocedinewyork.com/Anniversario-Pasolini-l-attualita-di-un-conservatore-a-40-anni-dalla-sua-scomparsa/d/15384/



ARTICOLI CORRELATI

E’ MORTO LO SCRITTORE E POETA EDOARDO SANGUINETI


"IO SO" DI PASOLINI E IL POTERE DELL'ASTRAZIONE 

10 LIBRI CHE NON AVREBBERO VOLUTO FARTI LEGGERE 

PASOLINI, L'ATTUALITÀ DI UN CONSERVATORE 


HTTP://ISOLAPULITA.BLOGSPOT.IT/2015/11/IL-CORPO-MAI-SEPOLTO-DI-PASOLINI.HTML

Nessun commento:

Posta un commento