L’autorizzazione Integrata Ambientale non è l’applicazione asettica di un insieme di tecniche e di relative “prestazioni ambientali” ma piuttosto il risultato di un percorso di analisi volto ad individuare l’assetto impiantistico e produttivo che combina assieme i tre elementi cardine dell’IPPC: controllo combinato delle emissioni aria-acqua-suolo, riferimento a standard tecnologici e gestionali di settore, valutazioni delle condizioni locali.

Attori principali sono fondamentalmente le amministrazioni che avranno il compito di rilasciare le autorizzazioni, i gestori che le richiedono e la comunità locale destinataria indiretta delle scelte delle pubblica amministrazione che dovrà provvedere al contemperamento degli interessi di cui tali attori si fanno portatori all’interno del provvedimento complesso.
Ricorso al TAR Palermo di Cittadini di Isola delle Femmine per annullamento decreto n 693 della Regione Sicilia a favore della Italcementi

Conferenze: 31 Luglio 2007-21 Novembre 2007-31 gennaio 2008-20 febbraio 2008-19 marzo 2008

Cambiamo Aria


Il Piano regionale per la qualità dell'aria presentato dalla regione Sicilia nel 2007 somiglia stranamente a quello del Veneto. Semplice coincidenza?

E' da un pò che in Sicilia non si respira più la stessa aria. Da Palermo a Gela, da Catania a Caltanisetta ci sono segnali di cambiamento che vengono dalla società civile, dai commercianti, dagli industriali che si ribellano contro la mafia e il pizzo. Anche la burocrazia regionale se n'è accorta. Per questo nel "Piano Regionale di Coordinamento per la tutela della qualità dell'aria", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, sono state introdotte importanti novità. Ora siamo più europei e lo conferma il rigido clima dell'isola. In più abbiamo un "bacino aerologico padano" e "piste ciclabili lungo gli argini dei fiummi e dei canali" presenti nei centri storici dei comuni siciliani. A leggere il piano in questione si può fare a meno anche dell'autonomia, dato che anche il Parlamento , l'Assemblea Regionale, è diventato un normale Consiglio regionale come quello del Veneto.

Un bel sogno che è stato interrotto da quei materialisti di Legambiente che hanno rilevato come il Piano sia, per usare un eufemismo, troppo simile a quello del Veneto. E dire che porta la firma di ben nove eccellenti autori: dirigenti dell'Assessorato e professori universitari, L'Assessore all'Ambiente Rossana Interlandi, dice che nel caso in cui errori vi siano stati, questi devono essere accertati, e comunque questo non legittima nessuno a parlare di plagio. L'Assessore ha ragione, in primo luogo perchè ispirarsi a un piano esistente conferma la teoria che riciclare conviene. E poi, non è che i piani regionali sono tutelati da diritto d'autore, senno dovrebbero riconoscere anche i diritti Siae ai dirigenti e consulenti che li preparano, Quidi è giusto che nessuno dei responsabili di questo piano cambi aria. In fondo la Regione non è mica il Palermo Calcio, che dopo una partita persa 5 a 0 con la Juve esonera l'allenatore. Bisogna prima accertarsi di non aver perso la partita.

Se intanto il camponato finisce, pazienza.

Gianpiero Caldarella Sdisonorata Società Navarra editore
Piano Regione Sicilia Qualità e Tutella dell'Aria

venerdì 4 settembre 2015

Isola delle Femmine Italcementi e Ambiente: POLVERE GRIGIA A VIRLE CONTROLLI ARPA ITALCEMENTI

Polvere grigia a Virle, controlli Arpa all'Italcementi









Una polvere sottile di colore grigio ha ricoperto alcune vetture e davanzali di abitazioni a Virle Treponti frazione di Rezzato. Polvere che neppure con il lavaggio è stato possibile rimuovere, anzi sembra che a contatto dell’acqua, la stessa si sia solidificata, danneggiando la carrozzeria.
È questo l’antefatto che lunedì 24 agosto aveva messo in allarme i virlesi. Una preoccupazione legittima segnalata immediatamente all’ufficio ecologia del Comune, e volata come un tam tam, attraverso i social media. Il 25 agosto l’amministrazione ha fatto pervenire all’Arpa un campione della polvere sconosciuta, perché si svolgessero le analisi del caso e parallelamente ha contattato le imprese virlesi, iniziando da Italcementi, per capire se vi fossero collegamenti con il fenomeno. 
Ieri è giunta la risposta di Arpa (che data il fatto al 21 agosto) che avvisa di «aver ricevuto dalla ditta Italcementi in data 28 agosto, una comunicazione di fermo impianto relativo alla nuova linea di cottura dal 25 agosto». Nella comunicazione di Italcementi - che solo Arpa ha ricevuto (negli uffici comunali non è arrivato niente) - si evince che nell’ispezionare l’impianto in questione è emersa la rottura di alcune maniche del filtro che presidia l’emissione di E 172 e si starebbe provvedendo al suo ripristino.
Dunque il mistero è tutt’altro che risolto. Arpa ha provveduto il 31 agosto ad un sopralluogo presso l’Italcementi, ma serviranno ancora giorni per conoscerne i risultati. Dal canto suo il sindaco Giacomini ha convocato per oggi il direttore di Italcementi per i doverosi chiarimenti, «la salute dei cittadini di Rezzato - dichiara il primo cittadino- viene prima di tutto ed hanno il diritto di sapere cosa è accaduto» rimandando le opportune comunicazioni solo ad analisi concluse. 
Dal canto suo in un comunicato Italcementi conferma «di aver agito in piena trasparenza, comunicando all’ente di controllo (Arpa) che lo scorso 25 agosto, a seguito di una fermata programmata della linea di cottura, era stata rilevata unaanomalia».

ITALCEMENTI  2011 SEGNALAZIONE MOVIMENTO CONSUMATORI INQUINAMENTO ISOLA DELLE FEMMINE



ITALCEMENTI 2009 ARPA ITALCEMENTI MARZO 09 CROMO-ESAVALENTE-VI










ITALCEMENTI 2014 15 OTTOBRE LE POLVERI CHE UCCIDONO








ITALCEMENTI 2014 15 OTTOBRE LE POLVERI CHE UCCIDONO CROMO BIOSSIDO DI SILICIO



CAGGESE GIUSEPPE 7.4.40 esposizione alla inalazione di sostanze nocive per l'apparato respiratorio nell'ambiente di lavoro, per una durata di 25 ANNI, aveva provocatto prima l'insorgere di una affezione cronica broncopolmonare e poi l'evoluzione di detta broncopatia  verso la NEOPLASIA.

"neoplasia polmonare maligna (microcitoma) con metastasi ai linfonodi peripancreatici condizionanti stenosi sulle vie biliari principali; shok settico;arresto cardiaco"

ACCERTATO anche il nesso di casualità tra l'attività lavorativa svolta dal CAGGESE ed il suo decesso.... (6.8.97)

CAGGESE dipendente ITALCEMENTI FG 73 83 GUARDIAREGGIA 83 88 SALERNO 88 92 TRENTO 92...)  OPERAIO STIVATORE ADDETTO AL CARICO DI SACCHETTI DI CEMENTO SUI CAMION.IL RISCHIO LAVORATIVO CUI ERA FONDAMENTALMENTE ESPOSTO ERA QUELLO DELLA POLVEROSITA' AMBIENTALE 



APRILE 84: visita medica periodica "ipotrasmissione del murmure vescicolare con prove di funzionalità respiratoria nella norma e conseguente idoneità al lavoro specifico

OTTOBRE 84 :sospetto  bronchite cronica enfisematosa da inalazione di biossido di silicio

SETTEMBRE 85 visita peiodica Istituto Medicina del Lavoro Università di Bari "segni di sovraddistensione polmonare, congestione, parenchimale, cupole diaframmatiche appianate, aumento diametri cardiaci traversi ECG normale come l'esame funzionale respiratorio : idoneo al lavoro

OTTOBRE 9 1989: Dottor Cibelli richiede accertamenti inoltre una denuncia di sospetta silicosi inviata all'INAIL, seguono documenti di visite mediche periodiche eseguite presso l'Istituto Medicina del Lavoro Università di Bari  effettuate 21 GIUGNO 1990 11 GIUGNO 1991 26 MAGGIO 1992 dai quali risulta che il Caggese operaio stivatore nel reparto insaccamento, fumatore presenta prove di funzionalità respiratoria sostanzialmente normali, obliterazione dei seni costofrenici con accentuazione della trama brochiale, aumento del terzo arco di Sn: idoneo al lavoro con il consiglio di ridurre il fumo.

29 GIUGNO 1992 al 3 LUGLIO 1992 ricovero presso la Fondazione Clinica del Lavoro IRCCS di Cassano Murge, richiesto dall'INAIL per sospetta broncopatia da silicati e calcari, il Caggese  viene dimesso "non segni di broncopatia in atto" 



1993 1994 1995 visite periodiche  Istituto Medicina del Lavoro Ospedale di Bergamo: deficit ostruttivo live di spirometria  una trasmissione ridotta  del murmure vescicolare un iniziale deficit uditivo neurosensoriale : idoneità al lavoro limitare fumo e vino

21 MARZO al 29 MRAZO 1996 RICOVERO URGENTE Ospedale S. Chiara TRENTO "trauma cranica con fratura occipitale e trauma gamba Ds INFORTUNIO SUL LAVORO

VISITA periodica presso il reparto di Medicina del Lavoro Ospedale Bergamo che registra nel CAGGESE un iniziale deficit  ventilatorio di tipo ostruttivo : idoneo al lavoro 

24 GIUGNO 1996 episodio doloroso acuto addominale curato presso la casa di Cura Villa Igea di Foggia ove viene adombrata l'esistenza di una probabile patologia pancreatica si consiglia accertamenti mirati amilasi VES nuova ecografia pancreatica e farmaci antispastici

1997 documenti grave svolta nelle condizioni di salute del CAGGESE da vari mesi accusava epigastralgie per cui assumeva: antispastici, atibiotici gastroprotettivi

28 MAGGIO 1997 al 12 GIUGNO 1997 ricovero presso il Reaprto 2a. Medicina degli OO.RR. di Foggia "Ittero colostatico in paziente con sospetta neoplasia pancreatica neoformazione mediastinica di n.n.d., nodulo tiroideo, HBsAg positivo e successivamente viene trasferito in Reaprto di Gastroenterologia viene dimesso il 17 GIUGNO 1997 decide di ricoverarsi altrove "Ittero ostruttivo da verosimile neoplasia della testa del pancreas, in paziente con neoplasia polmonare Ds; HBsAg positività,gastrite cronica; diverticulosi del colon.

18 GIUGNO 1997 visita preventiva Istituo Nazionale per lo studio e la cura dei TUMORI Milano il 25 GIUGNO reparto di Chirurgia Toracica dal quale è dimesso: sospetto di duplice neoplasia, mediastinica e pancreatica, Alta probabilità di interdipendenza fra le due neoplasie ed in particolare pare trattarsi di microcitoma con metastasi ai linfonodi peripancreatici, condizionanti stenosi sulle vie biliari principali. Terapia 

sintomatica (inserimento di protesi biliare autoespansibile tipo Schneider) con notevole riduzione dei valori di bilirubina. Si consiglia CHEMOTERAPIA


1997 4 AGOSTO Caggese viene ricoverato con grave insufficienza respiratoria presso il reparto di Medicina della casa Sollievo in San Giovanni Rotondo il 5 AGOSTO viene trasferito in reparto di rianimazione ove alle ore 16,10 del 6 AGOSTO muore.



DIAGNOSI: "neoplasia polmonare maligna(microcitoma) con metastasi ai linfonodi peripancreatici, condizionanti stenosi delle vie biliari principali  Shock settico, arresto cardiaco" 



(dr. Gerado Cela 25 febbraio 2011 )


Italcementi 2014 15 Ottobre Le Polveri Che Uccidono Alcementi (4) (1)



Italcementi 2012 Inalazione Di Cemento Italcementi Scheda Sicurezza Cemento Grigio Montalto Ed_3revbal01032...




ITALCEMENTI 2009 ARPA ITALCEMENTI MARZO 09 CROMO-ESAVALENTE-VI











Italcementi 2012 Inalazione Di Cemento Italcementi Scheda Sicurezza Cemento Grigio Montalto Ed_3revbal01032...




ITALCEMENTI 2009 ARPA ITALCEMENTI MARZO 09 CROMO-ESAVALENTE-VI












ITALCEMENTI 2014 15 OTTOBRE LE POLVERI CHE UCCIDONO CROMO BIOSSIDO DI SILICIO



CAGGESE GIUSEPPE 7.4.40 esposizione alla inalazione di sostanze nocive per l'apparato respiratorio nell'ambiente di lavoro, per una durata di 25 ANNI, aveva provocatto prima l'insorgere di una affezione cronica broncopolmonare e poi l'evoluzione di detta broncopatia  verso la NEOPLASIA.

"neoplasia polmonare maligna (microcitoma) con metastasi ai linfonodi peripancreatici condizionanti stenosi sulle vie biliari principali; shok settico;arresto cardiaco"

ACCERTATO anche il nesso di casualità tra l'attività lavorativa svolta dal CAGGESE ed il suo decesso.... (6.8.97)

CAGGESE dipendente ITALCEMENTI FG 73 83 GUARDIAREGGIA 83 88 SALERNO 88 92 TRENTO 92...)  OPERAIO STIVATORE ADDETTO AL CARICO DI SACCHETTI DI CEMENTO SUI CAMION.IL RISCHIO LAVORATIVO CUI ERA FONDAMENTALMENTE ESPOSTO ERA QUELLO DELLA POLVEROSITA' AMBIENTALE 



APRILE 84: visita medica periodica "ipotrasmissione del murmure vescicolare con prove di funzionalità respiratoria nella norma e conseguente idoneità al lavoro specifico

OTTOBRE 84 :sospetto  bronchite cronica enfisematosa da inalazione di biossido di silicio

SETTEMBRE 85 visita peiodica Istituto Medicina del Lavoro Università di Bari "segni di sovraddistensione polmonare, congestione, parenchimale, cupole diaframmatiche appianate, aumento diametri cardiaci traversi ECG normale come l'esame funzionale respiratorio : idoneo al lavoro

OTTOBRE 9 1989: Dottor Cibelli richiede accertamenti inoltre una denuncia di sospetta silicosi inviata all'INAIL, seguono documenti di visite mediche periodiche eseguite presso l'Istituto Medicina del Lavoro Università di Bari  effettuate 21 GIUGNO 1990 11 GIUGNO 1991 26 MAGGIO 1992 dai quali risulta che il Caggese operaio stivatore nel reparto insaccamento, fumatore presenta prove di funzionalità respiratoria sostanzialmente normali, obliterazione dei seni costofrenici con accentuazione della trama brochiale, aumento del terzo arco di Sn: idoneo al lavoro con il consiglio di ridurre il fumo.

29 GIUGNO 1992 al 3 LUGLIO 1992 ricovero presso la Fondazione Clinica del Lavoro IRCCS di Cassano Murge, richiesto dall'INAIL per sospetta broncopatia da silicati e calcari, il Caggese  viene dimesso "non segni di broncopatia in atto" 



1993 1994 1995 visite periodiche  Istituto Medicina del Lavoro Ospedale di Bergamo: deficit ostruttivo live di spirometria  una trasmissione ridotta  del murmure vescicolare un iniziale deficit uditivo neurosensoriale : idoneità al lavoro limitare fumo e vino

21 MARZO al 29 MRAZO 1996 RICOVERO URGENTE Ospedale S. Chiara TRENTO "trauma cranica con fratura occipitale e trauma gamba Ds INFORTUNIO SUL LAVORO

VISITA periodica presso il reparto di Medicina del Lavoro Ospedale Bergamo che registra nel CAGGESE un iniziale deficit  ventilatorio di tipo ostruttivo : idoneo al lavoro 

24 GIUGNO 1996 episodio doloroso acuto addominale curato presso la casa di Cura Villa Igea di Foggia ove viene adombrata l'esistenza di una probabile patologia pancreatica si consiglia accertamenti mirati amilasi VES nuova ecografia pancreatica e farmaci antispastici

1997 documenti grave svolta nelle condizioni di salute del CAGGESE da vari mesi accusava epigastralgie per cui assumeva: antispastici, atibiotici gastroprotettivi

28 MAGGIO 1997 al 12 GIUGNO 1997 ricovero presso il Reaprto 2a. Medicina degli OO.RR. di Foggia "Ittero colostatico in paziente con sospetta neoplasia pancreatica neoformazione mediastinica di n.n.d., nodulo tiroideo, HBsAg positivo e successivamente viene trasferito in Reaprto di Gastroenterologia viene dimesso il 17 GIUGNO 1997 decide di ricoverarsi altrove "Ittero ostruttivo da verosimile neoplasia della testa del pancreas, in paziente con neoplasia polmonare Ds; HBsAg positività,gastrite cronica; diverticulosi del colon.

18 GIUGNO 1997 visita preventiva Istituo Nazionale per lo studio e la cura dei TUMORI Milano il 25 GIUGNO reparto di Chirurgia Toracica dal quale è dimesso: sospetto di duplice neoplasia, mediastinica e pancreatica, Alta probabilità di interdipendenza fra le due neoplasie ed in particolare pare trattarsi di microcitoma con metastasi ai linfonodi peripancreatici, condizionanti stenosi sulle vie biliari principali. Terapia 

sintomatica (inserimento di protesi biliare autoespansibile tipo Schneider) con notevole riduzione dei valori di bilirubina. Si consiglia CHEMOTERAPIA


1997 4 AGOSTO Caggese viene ricoverato con grave insufficienza respiratoria presso il reparto di Medicina della casa Sollievo in San Giovanni Rotondo il 5 AGOSTO viene trasferito in reparto di rianimazione ove alle ore 16,10 del 6 AGOSTO muore.



DIAGNOSI: "neoplasia polmonare maligna(microcitoma) con metastasi ai linfonodi peripancreatici, condizionanti stenosi delle vie biliari principali  Shock settico, arresto cardiaco" 



(dr. Gerado Cela 25 febbraio 2011 )


Italcementi 2014 15 Ottobre Le Polveri Che Uccidono Alcementi (4) (1)



Italcementi 2012 Inalazione Di Cemento Italcementi Scheda Sicurezza Cemento Grigio Montalto Ed_3revbal01032...




ITALCEMENTI 2009 ARPA ITALCEMENTI MARZO 09 CROMO-ESAVALENTE-VI










ITALCEMENTI 2008 19 AGOSTO ESAMI PETCOKE ARPA RAFFO ROSSO COMUNE UFFICIO TECNICO ISOLA SIGNOR FARINA 


ITALCEMENTI 2008 19 AGOSTO ESAMI PETCOKE ARPA RAFFO ROSSO COMUNE UFFICIO TECNICO ISOLA SIGNOR FARINA



ITALCEMENTI  2011 SEGNALAZIONE MOVIMENTO CONSUMATORI INQUINAMENTO ISOLA DELLE FEMMINE


ITALCEMENTI 2011 SEGNALAZIONE MOVIMENTO CONSUMATORI INQUINAMENTO ISOLA DELLE FEMMINE



Italcementi  2006 Arpa Sopralluogo Raffo Rosso Petcoke 25
Genn 2006 Vania Contrafatto



ITALCEMENTI 2006 ARPA SOPRALLUOGO RAFFO ROSSO PETCOKE 25 GENN 2006 VANIA CONTRAFATTO



2014, BIOSSIDO DI SILICIO, CAGGESE GIUSEPPE, CROMO,CROMO ESAVALENTEVI, ITALCEMENTI 2014 15 OTTOBRE LE POLVERI CHE UCCIDONO, SACCHETTIFICIO, TRIBUNALE FOGGIA SENTENZA 6 2013,
2014, BIOSSIDO DI SILICIO, CAGGESE GIUSEPPE, CROMO,CROMO ESAVALENTEVI, ITALCEMENTI 2014 15 OTTOBRE LE POLVERI CHE UCCIDONO, SACCHETTIFICIO, TRIBUNALE FOGGIA SENTENZA 6 2013,


2008,2009,2011,2014,2015, BIOSSIDO DI SILICIO, CAGGESE GIUSEPPE,CROMO,CROMO ESAVALENTE VI,INALAZIONE, ITALCEMENTI 2014 15 OTTOBRE LE POLVERI CHE UCCIDONO, REZZATO, SACCHETTIFICIO, TRIBUNALE FOGGIA SENTENZA 6 2013,


Polvere grigia a Virle, controlli Arpa all'Italcementi

Nessun commento:

Posta un commento