L’autorizzazione Integrata Ambientale non è l’applicazione asettica di un insieme di tecniche e di relative “prestazioni ambientali” ma piuttosto il risultato di un percorso di analisi volto ad individuare l’assetto impiantistico e produttivo che combina assieme i tre elementi cardine dell’IPPC: controllo combinato delle emissioni aria-acqua-suolo, riferimento a standard tecnologici e gestionali di settore, valutazioni delle condizioni locali.

Attori principali sono fondamentalmente le amministrazioni che avranno il compito di rilasciare le autorizzazioni, i gestori che le richiedono e la comunità locale destinataria indiretta delle scelte delle pubblica amministrazione che dovrà provvedere al contemperamento degli interessi di cui tali attori si fanno portatori all’interno del provvedimento complesso.
Ricorso al TAR Palermo di Cittadini di Isola delle Femmine per annullamento decreto n 693 della Regione Sicilia a favore della Italcementi

Conferenze: 31 Luglio 2007-21 Novembre 2007-31 gennaio 2008-20 febbraio 2008-19 marzo 2008

Cambiamo Aria


Il Piano regionale per la qualità dell'aria presentato dalla regione Sicilia nel 2007 somiglia stranamente a quello del Veneto. Semplice coincidenza?

E' da un pò che in Sicilia non si respira più la stessa aria. Da Palermo a Gela, da Catania a Caltanisetta ci sono segnali di cambiamento che vengono dalla società civile, dai commercianti, dagli industriali che si ribellano contro la mafia e il pizzo. Anche la burocrazia regionale se n'è accorta. Per questo nel "Piano Regionale di Coordinamento per la tutela della qualità dell'aria", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, sono state introdotte importanti novità. Ora siamo più europei e lo conferma il rigido clima dell'isola. In più abbiamo un "bacino aerologico padano" e "piste ciclabili lungo gli argini dei fiummi e dei canali" presenti nei centri storici dei comuni siciliani. A leggere il piano in questione si può fare a meno anche dell'autonomia, dato che anche il Parlamento , l'Assemblea Regionale, è diventato un normale Consiglio regionale come quello del Veneto.

Un bel sogno che è stato interrotto da quei materialisti di Legambiente che hanno rilevato come il Piano sia, per usare un eufemismo, troppo simile a quello del Veneto. E dire che porta la firma di ben nove eccellenti autori: dirigenti dell'Assessorato e professori universitari, L'Assessore all'Ambiente Rossana Interlandi, dice che nel caso in cui errori vi siano stati, questi devono essere accertati, e comunque questo non legittima nessuno a parlare di plagio. L'Assessore ha ragione, in primo luogo perchè ispirarsi a un piano esistente conferma la teoria che riciclare conviene. E poi, non è che i piani regionali sono tutelati da diritto d'autore, senno dovrebbero riconoscere anche i diritti Siae ai dirigenti e consulenti che li preparano, Quidi è giusto che nessuno dei responsabili di questo piano cambi aria. In fondo la Regione non è mica il Palermo Calcio, che dopo una partita persa 5 a 0 con la Juve esonera l'allenatore. Bisogna prima accertarsi di non aver perso la partita.

Se intanto il camponato finisce, pazienza.

Gianpiero Caldarella Sdisonorata Società Navarra editore
Piano Regione Sicilia Qualità e Tutella dell'Aria

mercoledì 1 luglio 2015

Isola delle Femmine Documenta: CAOS RIFIUTI, SICILIA SENZA UN PIANO. PROROGA DI 1...

CAOS RIFIUTI, SICILIA SENZA UN PIANO. PROROGA DI 15 GIORNI PER GLI ATO





 mercoledì,
1 luglio 2015


Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, ha, ieri sera, con ordinanza, prorogato ancora una volta l’operatività degli Ato in liquidazione. La nuova proroga è fino al 14 Luglio. E’ l’ennesimo provvedimento “tampone” per scongiurare la paralisi del sistema regionale dei rifiuti, ma  di fatto però  si tratta solo di rinviare il caos di 15 giorni. . Dopodiché ci sarà lo stop ad ulteriori proroghe, dato che si arriva al limite massimo di 21 mesi.
Che si fa? La Regione è in piena emergenza, politica e istituzionale. Da tempo gli Ato dovrebbero essere sostituiti dalle nuove Srr, ma la riforma non è mai decollata, e inoltre non ci sono novità per gli impianti, anzi, è stata disposta la chiusura della discarica di Gela  a seguito delle risultanze di
analisi effettuate dall’Arpa di Caltanissetta. Gli impianti attivi sul territorio regionale sono rimasti otto: Palermo, Catania, Trapani, Misterbianco,

Siculiana, Lentini, Castellana Sicula, Augusta. Cinque impianti sono chiusi perchè saturi o sequestrati dalla magistratura. L’ordinanza posticipa anche la prossima chiusura di alcune discariche. A partire dalla discarica gestita dalla Oikos nel Comune di Motta S. Anastasia. Nell’ordinanza infatti si legge:


«È assolutamente necessario evitare la chiusura della discarica di Oikos s. p. a. poiché si verrebbe a determinare una interruzione del servizio pubblico con le conseguenze di ordine sociale ed ambientale; con il corredo dei pareri resi dall’Arpa e dalle Asp in sede di conferenza dei servizi. Si chiarisce che, al fine di provvedere alla chiusura dell’impianto in questione, si realizza una copertura provvisoria come era stato già illustrato nel precedente provvedimento dello sorso 16 giugno. Non si sono infatti raggiunti i livelli di chiusura e si procederà all’utilizzazione ancora parziale della discarica».
Un provvedimento specifico riguarda invece il territorio di Trapani, con «l’immediata attivazione del piano di abbancamento» e l’autorizzazione alla prosecuzione della discarica di contrada Campana- Misiddi di Campobello di Mazara «vasca 2 rifiuti non pericolosi». In particolare la discarica di Campobello di Mazara è affidata alla Belice spa con il coinvolgimento degli Ato Tp 2 costituito dai Comuni di Mazara, Castelvetrano, Salemi, Campobello e gli altri comuni del territorio. Vengono infatti revocate le disposizioni che consentivano agli stessi Comuni di conferire in altre discariche. Toccherà quindi ancora alla discarica di Siculiana, gestita dalla Catanzaro Costruzioni spa, operare, come a quella di Lentini della Sicula trasporti.
La Regione punta sulla realizzazione di quattro nuove piattaforme pubbliche (Gela, Enna, Messina e Palermo), ma i tempi necessari per portare a termine le gare d’appalto ed arrivare alla consegna dei nuovi impianti sono lunghi. A smaltire la gran parte delle 6mila tonnellate d’immondizia prodotte ogni giorno nell’Isola, sono ancora le discariche di Siculiana (gestita dalla Catanzaro Costruzioni spa) e di Lentini (della Sicula Trasporti spa).
Un altro scandalo sono i centri di compostaggio, che consentirebbero il trattamento dell’umido, risparmiando il 50% dei costi dell’immondizia prodotta. Ce ne sono 18, di questo nove sono stati finanziati, ma non sono stati mai attivati.  La raccolta differenziata è ancora bloccata
al 13%.
Altro nodo è quello del passaggio dei lavoratori dagli Ato alle Srr.

Di proroga in proroga, questa situazione va avanti dal 2013.
http://ilmattinodisicilia.it/13316-caos-rifiuti-sicilia-senza-un-piano-proroga-di-15-giorni-per-gli-ato/

Nessun commento:

Posta un commento