L’autorizzazione Integrata Ambientale non è l’applicazione asettica di un insieme di tecniche e di relative “prestazioni ambientali” ma piuttosto il risultato di un percorso di analisi volto ad individuare l’assetto impiantistico e produttivo che combina assieme i tre elementi cardine dell’IPPC: controllo combinato delle emissioni aria-acqua-suolo, riferimento a standard tecnologici e gestionali di settore, valutazioni delle condizioni locali.

Attori principali sono fondamentalmente le amministrazioni che avranno il compito di rilasciare le autorizzazioni, i gestori che le richiedono e la comunità locale destinataria indiretta delle scelte delle pubblica amministrazione che dovrà provvedere al contemperamento degli interessi di cui tali attori si fanno portatori all’interno del provvedimento complesso.
Ricorso al TAR Palermo di Cittadini di Isola delle Femmine per annullamento decreto n 693 della Regione Sicilia a favore della Italcementi

Conferenze: 31 Luglio 2007-21 Novembre 2007-31 gennaio 2008-20 febbraio 2008-19 marzo 2008

Cambiamo Aria


Il Piano regionale per la qualità dell'aria presentato dalla regione Sicilia nel 2007 somiglia stranamente a quello del Veneto. Semplice coincidenza?

E' da un pò che in Sicilia non si respira più la stessa aria. Da Palermo a Gela, da Catania a Caltanisetta ci sono segnali di cambiamento che vengono dalla società civile, dai commercianti, dagli industriali che si ribellano contro la mafia e il pizzo. Anche la burocrazia regionale se n'è accorta. Per questo nel "Piano Regionale di Coordinamento per la tutela della qualità dell'aria", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, sono state introdotte importanti novità. Ora siamo più europei e lo conferma il rigido clima dell'isola. In più abbiamo un "bacino aerologico padano" e "piste ciclabili lungo gli argini dei fiummi e dei canali" presenti nei centri storici dei comuni siciliani. A leggere il piano in questione si può fare a meno anche dell'autonomia, dato che anche il Parlamento , l'Assemblea Regionale, è diventato un normale Consiglio regionale come quello del Veneto.

Un bel sogno che è stato interrotto da quei materialisti di Legambiente che hanno rilevato come il Piano sia, per usare un eufemismo, troppo simile a quello del Veneto. E dire che porta la firma di ben nove eccellenti autori: dirigenti dell'Assessorato e professori universitari, L'Assessore all'Ambiente Rossana Interlandi, dice che nel caso in cui errori vi siano stati, questi devono essere accertati, e comunque questo non legittima nessuno a parlare di plagio. L'Assessore ha ragione, in primo luogo perchè ispirarsi a un piano esistente conferma la teoria che riciclare conviene. E poi, non è che i piani regionali sono tutelati da diritto d'autore, senno dovrebbero riconoscere anche i diritti Siae ai dirigenti e consulenti che li preparano, Quidi è giusto che nessuno dei responsabili di questo piano cambi aria. In fondo la Regione non è mica il Palermo Calcio, che dopo una partita persa 5 a 0 con la Juve esonera l'allenatore. Bisogna prima accertarsi di non aver perso la partita.

Se intanto il camponato finisce, pazienza.

Gianpiero Caldarella Sdisonorata Società Navarra editore
Piano Regione Sicilia Qualità e Tutella dell'Aria

lunedì 8 giugno 2015

APPUNTI SU ISOLA DELLE FEMMINE: Omicidio Enea. Isola delle Femmine deve fare i con...

Omicidio Enea. Isola delle Femmine deve fare i conti col proprio passato





LA SCOMPARSA DELLE PARTICELLE (COSTA CORSARA-B.B.P. s.n.c.) CARDINALE LUCIDO CATALDO
PROPRIETARI DEI TERRENI IN PERMUTA DI TRE APPARTAMENTI

Isola delle Femmine commemora Vincenzo Enea, l’imprenditore edile ucciso dalla mafia, nel giorno dell’anniversario del suo omicidio, avvenuto nel 1982. Dopo 33 anni da quei tragici eventi, anni di silenzio assoluto sulla vicenda, è finalmente arrivata la sentenza di condanna del suo killer, Francesco Bruno, e l’amministrazione comunale, su incessante richiesta di Pino Ciampolillo e del suo comitato civico “Isola Pulita”, ha deciso di intitolare una piazza alla memoria di Vincenzo Enea. Ciampolillo ha espresso grande soddisfazione per la decisione di dedicare due aree all’ingresso del paese alle vittime della mafia: “È stato come porre idealmente una barriera: l’illegalità non entra a Isola delle Femmine”. Si ristabilisce anche la verità sulla vicenda dell’omicidio Enea (leggi questo articolo per maggiori dettagli), per anni soggetta ad un’opera di denigrazione.
Quest’oggi, anniversario dell’omicidio, è stata apposta la firma agli atti deliberativi da parte della giunta per l’intitolazione di Piano Ponente e Piano Levante rispettivamente a Vincenzo Enea e a Nicolò Piombino, e subito dopo il sindaco e alcuni consiglieri si sono diretti in via Palermo, sul luogo dove Vincenzo Enea, l’imprenditore che si rifiutò di cedere alle pretese degli esponenti della famiglia mafiosa di Isola delle Femmine, fu brutalmente assassinato all’età di 47 anni. “Per Isola delle Femmine è un giorno molto importante dal punto di vista dell’impegno civile e sociale“, ha dichiarato il sindaco Stefano Bologna, “dopo 33 anni rendiamo il giusto, doveroso riconoscimento morale e civile a Vincenzo Enea, nostro concittadino e chiedo scusa per il ritardo dei 33 anni ai familiari“. La mafia non è ancora stata sconfitta, ha ammesso il sindaco, ma agisce nei modi più subdoli e nascosti per opprimere il nostro territorio. Tuttavia la comunità deve imparare a fare i conti con il proprio passato e ripartire su piani di verità, impegno e consapevolezza, come ha sottolineato il consigliere Giuseppe Caltanissetta.
Ha preso la parola anche Elisa, la figlia di Vincenzo Enea, che all’epoca dei fatti aveva solo pochi mesi: “Di 8 giugno ne abbiamo vissuti 33 e sono stati terribili“, ha detto, “ma oggi ci sentiamo meno soli“. Ha voluto ringraziare sentitamente Pino Ciampolillo, il quale ha letto alla cittadinanza la lettera che Don Ciotti ha inviato ad Elisa:
Cara Elisa,
purtroppo non potrò essere con voi lunedì prossimo, 33° anniversario dell’omicidio di papà. Ma ci tengo con queste righe a testimoniarti – come ho già fatto privatamente nel recente incontro a Terrasini – tutta la mia vicinanza e l’auspicio che, sulla scorta della sentenza della Corte d’Assise di Palermo, venga accolta la proposta di intitolare a papà una piazza di Isola delle Femmine, il luogo in cui ha cercato di realizzare i suoi sogni di persona onesta, pulita, rispettosa dell’ambiente e di una legalità al servizio del bene comune.
Come anche voglio aggiungere – in tutta sincerità, sapendo che tu sei la prima a condividere il pensiero – che l’intitolazione di piazze e di vie a chi si è opposto alla violenza mafiosa è certo un passo doveroso, ma solo il primo di una memoria che deve farsi responsabilità e impegno quotidiano. È quello che ci chiede anche Vincenzo, il tuo attento e amorevole papà. Da la dove si trova, gioisce non del fatto di essere ricordato o “celebrato” in discorsi, ma che altri come sua figlia condividano nelle scelte e nell’impegno quotidiano il suo amore per la verità e la giustizia.
Un forte abbraccio alla tua mamma e a tutti i fratelli. Una carezza a te. Ciao e a presto,
Don Ciotti



Nessun commento:

Posta un commento